ASD RARI NANTES E ACQUABILE- PISCINA BIANCHI

L’autismo viene considerato dalla comunità scientifica internazionale un disturbo pervasivo dello sviluppo, che interessa quasi 1% della popolazione pediatrica e adulta (statistiche Organizzazione Mondiale della Sanità e del CDC -Centre for Disease Control- massimo organo di indagine epidemiologica degli Stati Uniti)

 L’autismo non è “curabile”, ma molti sono gli strumenti a nostra disposizione per poter insegnare alle persone con autismo ad essere autonome, a sviluppare il linguaggio o altre forme di comunicazione, ad interagire con gli altri in modo adeguato, ad ampliare i propri interessi e gestire le proprie manifestazioni comportamentali per portare al miglioramento della qualità della vita della persona e della sua famiglia.

I metodi cognitivi – comportamentali permettono di raggiungere questi obiettivi di rieducazione lavorando su tutte le aree di sviluppo della persona e stimolandone costantemente la crescita e l’apprendimento individuale. Sono quelli più supportati dalla ricerca scientifica internazionale, che ne hanno dimostrato la validità e l’efficacia nel trattamento delle persone con disturbi autistici (fondamentale è dunque l’approccio con l’attività sportiva, soprattutto in età pre-scolare e scolare).

Nel gennaio di questo anno la Rari Nantes Trieste 1976, storica società cittadina, ha deciso di collaborare con ProgettoAutismoFVG, per la diffusione del “Progetto Aquabile…… anche noi in piscina” , da cui nasce la Sezione Aquabile, dedicata ai bambini e ragazzi con disabilità collegate alla sfera cognitiva e relazionale.

ProgettoAutismo è una ONLUS , e da quest’anno ha ottenuto il patrocinio dell’ASL per il progetto Aquabile.
Gli Atleti sono seguiti con rapporto di 1:1 da 3 Istruttori formati e supervisionati da un Coordinatore e dalla Psicologa Referente del Progetto. Il livello di professionalità e competenza fanno si che sempre più famiglie chiedano informazioni per iscrivere i loro figli.
Purtroppo l’autismo è una patologia che è in aumento nella nostra società.

L’esercizio fisico, ed il nuoto nello specifico sono di fondamentale importanza nelle persone affette da autismo, favoriscono il benessere, la promozione della salute e qualità di vita dei ragazzi.
Favorisce inoltre la diminuzione di comportamenti problematici e l’aumento di comportamenti adeguati, promuovendo quindi la graduale integrazione dei ragazzi con i pari.

About the Author

By sabrina / Editor on Apr 01, 2019